sabato 30 agosto 2014

CONSIGLIO DI LETTURA: RICETTE A QUATTROZAMPE

E non solo consiglio di lettura, ma anche ottimi consigli per cucinare pranzetti prelibati  ai nostri splendidi amici a quattrozampe e, perchè no, condividerli.
In questo libro troverete ricette adatte a tante situazioni diverse: quelle piu' golose per premiarlo, o quelle per mantenere il pelo lucido o per ritornare in forma dopo una malattia


Vi posso  nominare i gustosi Spaghetti alla Ugo, con carne macinata e origano, e  il Banchetto di Macchia con carne di manzo e cipolla rossa, o le deliziose verdure croccanti. Io ne ho provato alcune e sono davvero gustose. Scommetto che viene fame anche a voi...
Le ricette sono semplici, e ben descritte. Se avete la fortuna di avere un  cane nella vostra vita, questo libro non può mancare!

Ricette a 4 zampe- Autrice INGEBORG PILS - edito GRIBAUDO - PARRAGON


A questo punto,  non posso proprio fare a meno di lasciarvi  un'altra ricetta, consigliata dalla mia compagna quattrozampe Amali


ECCO LA MIA RICETTA...LA MIA PREFERITA...OSSOBUCO ALLA BISMARK, TALMENTE BUONO CHE PUO' ESSERE MANGIATO ANCHE DAL TUO UMANO...SE DECIDI DI LASCIARGLIENE UN POCHINO...

INGREDIENTI:
 350 GR OSSOBUCO DI MANZO
1 UOVO
OLIO EXTRAVERGINE
40 GR PASTA

tagliare l'ossobuco a pezzi grossi, mettere in padella con un goccino di olio, niente sale, aggiungere un po di acqua e far cuocere la carne, appena scottata, deve dorarsi fuori ma restare bella rosa dentro.











Quando e' cotta aggiungere la pasta, ben cotta, e aggiungere per ultimo il rosso dell'uovo ( mi raccomando solo il rosso!)


e BUON APPETITO!!!!

nota bene: il sale ci fa proprio male, meglio non usarlo mai. L'olio contine Omega 6 , e in piccole dosi e' prezioso per la lucentezza del nostro pelo. L'uovo e' un'ottima fonte proteica. in questo ricetta e' utilizzato crudo, e per questo bisogna usare solo il rosso, perche' l'albume produce l'avidina , una sostanza che puo' creare problemi nell'assorbimento di alcune vitamine. l'avidina si disattiva solo con la cottura. e per ultimo l'osso e' ottimo da masticare, non si rompe allena la dentatura e la muscolatura frontale.

venerdì 22 agosto 2014

CONSIGLIO DI LETTURA - SEI SCRITTRICI, MILLE VOCI DI DONNE



"Oxfam è una magnifica, potente confederazione di 17 organizzazioni unite insieme, con il fine di eliminare la povertà estirpandola alla radice. Oxfam sa che il volto della povertà è spesso il volto di una donna,  la maggioranza dei poveri sono donne, per questo i loro diritti sono al centro del nostro lavoro di aiuto umantario, cooperazione allo sviluppo e campagne di opininione"
Queste le parole di Winnie Byanyma, direttore esecutivo di Oxfanam,  e questo è l'editoriale davvero interessante di   : IO DONNA
IO DONNA ha dedicato un intero editoriale, speciale,  a questa organizzazione, e alla  bellissima  iniziativa con 6 scrittrici - SEI SCRITTRICI; MILLE VOCI DI DONNE -  che sono andate personalmente a visitare i progetti di OXFAM, e hanno visto cosa stanno facendo , ma soprattutto hanno raccontato la vita di queste donne, che vivevano una vita  impossibile  con i loro diritti fondamentali negati, le discriminazioni quotidiane le violenze dei loro compagni, e della loro società, ma hanno  lottano per avere un futuro migliore.
Così potere leggere la storia di Mirsada in Bosnia-Erzegovina, che ha vissuto sulla propria pelle le irripetibili violenze della guerra, e ha deciso di non provare più vergogna per una colpa che non ha, e ha sperato in un futuro migliore.
O la storia di Carmen,  in Ecuador,  che è stata la prima donna a coltivare il terreno, frequentando di nascosto dal marito, che la picchiava, i corsi di Sviluppo territoriale Rurale  con Identità Culturale promossa  da Oxfanam, e ha affittato un terreno per seminare l'amaranto. Carmen non sapeva fare i conti così ha frequentato un corso di aritmetica, e ha cominciato a guadagnare e diventare autonoma.
Sei storie, sei donne in sei paesi lontani e difficili  e sei scrittrici che sono andate ad ascoltare, emozionate e commosse,  i racconti  di queste donne che hanno lottato,  e stanno lottando per una vita migliore.
Ve lo consiglio... con il cuore. Buona lettura




sabato 16 agosto 2014

IL LIBRO: UNA MERAVIGLIOSA MEDICINA



Jean Perdu è  il librario protagonista del romanzo "Una piccola libreria a Parigi" della  scrittrice tedesca Nina George, editore Sperling e Kupfer. Lo consiglio a chi vuole perdersi in una tenerissima storia d'amore.

"No." disse Monsieur Perdu anche la mattina seguente. " Preferirei non venderle questo libro." Con delicatezza tolse La notte di mano alla cliente. ... Ora la cliente guardava attonita il librario.
"Max Giordan non fa per lei."
"Max Giordan non fa per me?"
"Esatto, non è il suo tipo."
"Il mio tipo. Ha ha. Pardon, vorrei farle presente che sono entrata qui per trovare un libro e non un marito mon cher monsieur."
" Con permesso: quello che legge oggi, sarà piu' importante, a lungo termine, dell' uomo che sposerà, ma chère madame."

I suoi consigli e  le sue inconsuete ricette mediche, per curare vari malanni dell'animo umano, sono  lo spunto per un interessante  articolo de la Repubblica.che parla di biblioterapia, cioe' la lettura come cura:
libri come cura.

Come si legge dall'articolo, gia' Aristotele credeva che la letteratura potesse guarire le persone, e la libroterapia è stata utilizzata per curare le malattie mentali.
Chi ama la lettura conosce già il potere terapeutico  di un libro: personalmente il solo averlo nelle mani - ebbene si, sono un'inguaribile sostenitrice del cartaceo - mi fa stare bene. Un libro puo' farti sognare, sorridere o piangere. Può farti innamorare. O viaggiare  in posti lontani. O tutte queste cose insieme.
Ognuno di noi, sono certa, ha il proprio libro medicina che utilizza nei momenti no.
Volete sapere i miei?


  • Quando ho bisogno di coccole: l'incantenvole  poesia delle  parole scritte e l'amore impavido di Florentino Ariza.  L'amore al tempo del colera - Gabriel Garcia Marquez
  • Quando sono triste : Niente è piu' coinvolgente di questa storia d'amore malata, vendicativa, folle ma totale.  Cime tempestose - Emily Bronte
  • Quando ho voglia di farmi intrigare : Mr Gwyn,  il mistero della sua magia, e la rabbiosa devozione della sua giovane assistente Rebecca e il loro coinvolgente rapporto di lavoro.  Mr Gwyn -  Alessandro Baricco     
         e per finire
  • Quando ho voglia di tenerezza  : la forza e la dolcezza  del vecchio Antonio e l'incanto del  suo duello con la tigre, splendida e rispettata rivale.   Il vecchio che leggeva romanzi d'amore - Luis Sepulveda- 


E quali sono i vostri?


venerdì 8 agosto 2014

LO STUPIDARIO MASCHILE





SMS
LEI: oggi è proprio una brutta giornata, mi coccoli un pò?
LUI: non me ne parlare, la mia è una  giornata di merda, sono ko, non ho dormito niente e ho mal di testa!
LEI: povero... cosa ti è successo? posso fare qualcosa per te?

"Ecco! E' successo ancora. Le parti si sono ribaltate;  ma come,  non ero io quella che chiedeva comprensione e affetto!? Perchè ora, sono io a consolare chi doveva coccolare  me?" La mia amica si sfoga con rabbia, per l'ennesima incomprensione con il compagno.
"Cosa ti aspettavi?" le rispondo.
"Povera cucciola, certo che ti coccolooo, raccontami tutto... io sono qui!"
"Bello vero? Questa è la TUA risposta, da femmina, amorosa e materna! Peccato che questa sia una risposta SOLO femminile e i nostri maschietti abbiano reazione tutte diverse dalle nostre. Fa parte delle nostre differenze primarie... Uomo e donna sono due mondi totalmente differenti ma anche, e qui sta il bello, perfettamente complementari.
"Già  complementari ... devo ancora scoprire come!"  Sbuffa la mia amica e mi fa tenerezza, perché ogni volta, sbuffa sempre un po di più e sorride sempre un po'  meno.
Le racconto come i primi anni di matrimonio,  mio marito ed io,  litigassimo per ore;  ore di inutili sproloqui, perchè nel momento di massima incavolatura, io,  donna guerriera -  sono ariete mica per niente - tutta  fuoco e passione, volevo parlare, discutere lì,  subito, ora, prendo il toro per le corna ma subito, buttiamo fuori tutto, e subito!!
Mio marito, calmo e razionale, come solo i tedeschi sanno fare, mi diceva: "Ora hai bisogno di dormire, you need to sleep. We speak tomorrow."
Come parliamo domani?! Domani?! Ma io sono arrabbiata ORA,  pronta a lottare ora, non domani. Dormire?? Ma come posso dormire quando sono così arrabbiata?"  E il suo tono condiscendente mi faceva impazzire.
La conclusione era,  che alla fine,  lui andava a dormire, e io passavo la notte a innervosirmi sempre di più! Io non capivo la sua necessità di parlare del problema a mente fredda per non peggiorare le cose, e lui non capiva la mia esigenza di parlarne subito per chiarirsi il prima possibile. Ho avuto bisogno di tempo per capire che la sua reazione era una forma di rispetto dei tempi.  "Quando si è arrabbiati è  difficile spiegarsi! "
Ora che abbiamo imparato a conoscerci e sappiamo ridere dei nostri reciproci momenti no, so che probabilmente lui aveva ragione, e lui ha imparato ad ascoltarmi un pò di piu'. 
Ma ci siamo dovuti capire prima!
"Devi comprendere  che l' uomo che hai davanti,  non pensa come te, non ha i tuoi stessi bisogni. Tu ti aspetti delle risposte da lui, che non arrivano mai, perchè lui,  da uomo,  non te le darà mai. Ma non perchè non vuole. Semplicemente non puo'. Lui ha dinamiche mentali diverse dalle tue;  ma non vuol dire, per questo, che non ti ami."
La mia amica mi guarda poco convinta! "Parli facile... potrei scriverci un libro con le risposte sbagliate del mio compagno: si, Lo stupidario maschile, farebbe davvero successo!"
Allora se  mi parli di libri  io ce l'ho l'arma per convivere con il tuo amato maschio stupido!"
Così  le ho consigliato un  libro, che per me è un cult, che credevo ormai conoscessero tutti, ma che la mia amica proprio non conosce. E lo consiglio anche a voi, perchè è una lettura intelligente , divertente e che aiuta davvero a capire le differenze fondamentali  fra uomo e donna. E anche se l'avete già  letto, ogni tanto fa proprio bene rileggerlo, perchè nella vita di coppia il dialogo è fondamentale, ma a volte è davvero difficile comprendersi
"...II dialogo, contrariamente a quanto si possa pensare, non è però impossibile, anzi: dal momento che si imparano a riconoscere e apprezzare le differenze tra i due sessi, tutto diventa più facile, le incomprensioni svaniscono e i rapporti si rafforzano"

GLI UOMINI VENGONO DA MARTE E LE DONNE VENGONO DA VENERE
John Gray  - editore Rizzoli




Buona lettura!
E voi avete il vostro piccolo stupidario? (maschile o femminile)... lasciate un commento!